Efficientamento energetico per le PMI - Trentino Social Tank
La nuova normativa sulla Privacy
19 Marzo 2018
Sviluppare competenze digitali per rimanere competitivi
22 Maggio 2018

Efficientamento energetico per le PMI

CHECK-UP GRATUITO PER CAPIRE COME RISPARMIARE

Una recente indagine di PriceWaterhouseCooper ha messo in luce quanto i giovani (tra i 18 e i 38 anni) condizionino le loro preferenze di acquisto in funzione dei riflessi di “sostenibilità” di quel prodotto: 8 intervistati su 10 sono disposti a pagare un prezzo maggiore se quel capo d’abbigliamento è prodotto in modo sostenibile e rispettoso dell’ambiente. E la preferenza eco-sostenibile è riscontrabile in tutti i settori merceologici, non solo nella moda. Attuare campagne di efficientamento energetico ha quindi un duplice risvolto positivo: a fronte di una riduzione dei costi operativi aumentano anche i ricavi, a patto però che l’efficientamento venga ben comunicato alla clientela.

Sulle politiche di efficientamento energetico, una volta tanto, l’Italia è ben posizionata, essendo il primo Stato europeo ad essersi dotato di uno strumento specifico di incentivazione fiscale, noto con l’acronimo TEE o Certificati Bianchi, che, soprattutto per le PMI rappresentano un’occasione fin qui solo in parte conosciuta e utilizzata.

L’utilizzo del fotovoltaico, la coibentazione e il relamping (l’utilizzo di luci a LED) sono esempi di investimento su cui sono disponibili importanti contributi pubblici anche provinciali, ma anche semplici accortezze come l’uso corretto degli impianti di raffrescamento e riscaldamento, e dei dispositivi elettrici (la fotocopiatrice o i computer “accesi” durante la notte…) possono determinare risparmi in bolletta superiori al 10%.

Su questo tema, TST ha stretto una collaborazione con CBS che realizza il primo check-up gratuito e accompagna l’azienda in tutto il processo di efficientamento e nelle pratiche per l’ottenimento dei benefici fiscali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.