La gestione delle eccedenze - Trentino Social Tank
Quanto sono pericolose le ciclabili?
20 novembre 2019
Dipende dai contenuti
11 dicembre 2019

La gestione delle eccedenze

IL CRESCENTE SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI URBANI

21 milioni di italiani coltivano un pezzo di terra

Non si tratta di una cronaca dell’ottocento ma di un dato registrato nel 2017, ed i numeri sono tuttora in crescita. Il merito va dato non solo a politiche pubbliche che incoraggiano la creazione di orti urbani, ma anche alla crescente attenzione alla riduzione degli sprechi alimentari, alle valorizzazione delle coltivazioni biologiche e alle produzioni che consentono l’impiego della minor distanza possibile tra chi produce e chi consuma (il kilometro zero); tutti aspetti che, nel loro insieme, sostanziano lo “sviluppo sostenibile” e, in fondo, alla base del “mangiare sano”.

I frutti nel nostro pollice verde

Queste due condizioni – l’aumento delle persone che coltivano un orto e l’aumento delle motivazioni ad uno sviluppo sostenibile per mangiare sano – potrebbero però determinare un cortocircuito tra intenzioni e pratica: se il mio terreno (senza ricorrere ad additivi chimici tanto da aspirare a eleggermi come coltivazione biologica) “regge bene” i pomodori e meno bene le zucchine, in nome dello spreco zero sarò interessato a specializzarmi nella produzione di pomodori, mentre solo se potrò scambiarli con le zucchine coltivate da un mio pari (un hobbista) che vive relativamente vicino a me potrò rimanere fedele anche agli altri due principi, il kilometro zero e (auspicabilmente) il biologico. 

Nuove iniziative di scambio

Sviluppare uno scambio delle eccedenze tra privati senza scomodare troppo il fisco e i NAS potrebbe presentare alcune incertezze: uno scambio in natura genera una “utilità economica” tassabile? E se qualcuno che mangia i miei pomodori si sente male? Su chi ricade la responsabilità? D’altronde la sharing economy, per sua natura, si muove su “confini” fin lì poco immaginati ed è proprio questo aspetto che necessita di capacità imprenditive e visioni nel lungo periodo, doti necessarie e sempre più rare per sopravvivere nell’arena imprenditoriale.

 

Trentino Social Tank e Impact Hub Trentino hanno organizzato il contest Cooperation Grow Up con l’obiettivo di promuovere l’imprenditoria di tipo cooperativo nei territori periferici del Trentino.
I vincitori verranno inseriti in un programma di accompagnamento che permetterà di dare vita a nuove imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *