Lo Smart Manager esiste. E almeno da 100 anni. - Trentino Social Tank
Professionisti che possono fare la differenza per le famiglie di oggi
17 luglio 2020
Ufficio: è un “addio” o solo un “arrivederci”?
5 agosto 2020

Lo Smart Manager esiste. E almeno da 100 anni.

LO SMART MANAGEMENT: UN NUOVO MODO DI GESTIRE L’ORGANIZZAZIONE

Come anticipa il titolo del seguente articolo (e no, non è una provocazione) lo Smart Manager esiste da più tempo di quel che si pensa. Ne è un esempio longevo la multinazionale americana 3M fondata nel 1903 a Minneapolis e dedita alla produzione di scotch e post-it. Essa è stata considerata dagli studiosi di organizzazione una vera e propria innovazione da imitare: la sua struttura “piatta” e il suo approccio “strutturale” alla ricerca e allo sviluppo la collocano due passi avanti rispetto alla maggior parte delle aziende risalenti ai primi anni del XX secolo. Addirittura, leggenda vuole che il dettagliatissimo organigramma della società sia gelosamente conservato nel terzo cassetto in basso della scrivania dell’amministratore delegato.
Dunque, possiamo azzardarci a definire lo Smart Management un “fenomeno d’altri tempi”.

IMPLEMENTARE LO SMART MANAGEMENT

Se all’inizio del secolo scorso lo Smart Management era sconosciuto a molti, oggi giorno, in tempi di Smart Working, esso è fondamentale! 

Infatti, a causa della recente emergenza sanitaria, molte imprese si sono trovate a dover implementare il lavoro agile e, di conseguenza, ad adottare (con qualche difficoltà) un approccio smart nella gestione delle proprie risorse umane per mantenere integra l’attività lavorativa. 

Più precisamente, lavorare in un’ottica di Smart Management significa: 

  • concedere autonomia ai collaboratori da un punto di vista degli orari, degli spazi e delle modalità nella realizzazione delle attività assegnate
  • implementare l’utilizzo delle ICT, in modo da usufruire dei vantaggi che esse offrono

 

Molti affermano che un’organizzazione che intraprende questo modello di gestione andrà incontro a diversi vantaggi come un aumento della produttività, nonché un miglioramento del benessere aziendale.

CHI È LO SMART MANAGER?

Lo Smart Manager è una figura professionale che negli anni è stata in grado di determinare un vero e proprio cambio di paradigma all’interno del contesto aziendale!

Come sottolinea Gianni Previdi nel suo libro #SmartManagement, l’affermazione di questa nuova tipologia di leadership avviene quando l’autoritarismo manageriale del “fate come vi dico” viene sostituito con l’autorevolezza manageriale, ovvero una leadership vera e riconosciuta da tutti perché in grado di:

  • gestire per obiettivi: ciò che conta non è la quantità di ore lavorate, ma il raggiungimento di risultati prefissati. In questo modo, il manager abbandona il ruolo di controllore che lo ha caratterizzato per tanti anni    
  • delegare: uno smart manager deve dimostrare fiducia nei confronti dei propri collaboratori e assegnare loro attività stimolanti, in modo da favorire, allo stesso tempo, la crescita professionale
  • impersonare i valori aziendali: uno smart manager deve credere nei valori della propria azienda, in modo tale che gli stessi collaboratori siano portati a farli propri
  • innovare: uno smart manager deve essere in grado di analizzare il contesto economico, finanziario e tecnologico, in modo tale da poter trovare occasioni di crescita e sviluppo

L’OSTACOLO INIZIALE: LA PAURA

Come abbiamo visto, qualche accenno di smart management è riscontrabile già nel secolo scorso. Tuttavia, esso ha preso piede solo negli ultimi anni. Qual è il motivo di tale ritardo? 

Ne possono essere elencati diversi (difficoltà tecnologiche-economiche-finanziarie), ma certamente non si può non citare la paura del cambiamento che può attanagliare anche i più intraprendenti. Uscire dalla propria comfort zone è difficile, per tutti, e per questo è comprensibile come il passaggio da una struttura fortemente gerarchica basata sul controllo a una direzione per obiettivi basata sulla fiducia abbia spaventato molti manager, sia delle grandi che delle piccole imprese, ritardando così un cambiamento organizzativo di un certo spessore. 

In conclusione, nonostante le opportunità di sviluppo passate, lo Smart Management si sta affermando solo negli ultimi anni per tutta una serie di eventi ed invenzioni. E’ fondamentale non bloccare tale fenomeno ma accoglierlo e aiutarlo nella sua piena affermazione!

 

Iscriviti alla nostra newsletter   

In questa newsletter vogliamo parlare di un nuovo approccio al lavoro. Non solo smart e digitale ma anche, e soprattutto, nuovi modi di organizzare e gestire attività e flussi, alla ricerca di maggior benessere e soddisfazione di clienti, lavoratori e organizzazioni.
Ogni settimana riceverai un articolo di approfondimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *